Please scroll down for an English Translation                                                    


     

FROTTOLE E CAPRICCI

 

Frottole del Rinascimento italiano

 

A cavallo  dei secoli XV e XVI si sviluppa in Italia un genere musicale che contenderà al madrigale il primato nella musica vocale: si tratta della frottola.

Una caratteristica della frottola era quella di avere la melodia nella voce più acuta dell’impianto polifonico. La preminenza della voce più acuta era tale che spesso l’esecuzione delle altre voci era affidata a strumenti come le viole o intavolata, cioè ridotta con una scrittura specifica, per strumenti armonici come il liuto il cembalo. La scrittura della frottola era spesso omoritmica o con brevi momenti di imitazione tra le voci e, anche se talvolta arricchita da fioriture e melismi, si atteneva ad una linearità molto distante dalla complessità del madrigale. La corte mantovana dei Gonzaga fu uno dei luoghi di fioritura di questo genere musicale: a Mantova operarono i più apprezzati compositori di frottole, tutti presenti nel programma,  come Bartolomeo Tromboncino, Marchetto Cara, Jacopo Fogliano, Filippo da Luprano.

 

ContrArco Consort

 

Antonella Tatulli         Canto

Valentina Nicolai        Viola da Gamba Basso

Marco Ottone              Viola da gamba Tenore

Gianfranco Russo       Viola da braccio Rinascimentale e Direzione

        

 

 


     

FROTTOLE & CAPRICCI

 

Italian Renaissance Frottole

 

Between the 15th and 16th century Italy gives birth to a new musical genre that will challenge the primacy of the madrigal as far as vocal music is concerned: it’s the “Frottola”.

One of the main differences was that the Frottola had its melodic movement in the highest treble voice of the polyphonic texture. The primacy of the first voice was such that often the remaining voices were frequently played by musical instruments such as viols. Frequently the score was reduced to tablature to be played by harmonic  instruments such as the lute or the harpsichord. 

The  writing of the Frottola was mainly isorhythmic with brief moments of imitation between voices, sometimes with embellishments  and melisma,  nonetheless  it remained simple and quite distant from the complexity of the madrigal. 

The House of Gonzaga that ruled Mantua, in northern Italy, from 1328 to 1708 was one of the places where the Frottola flourished: under their protection we can find the main composers of Frottole, all included in the program proposed, such as Bartolomeo Tromboncino, Marchetto Cara, Jacopo Fogliano, Filippo da Luprano.

 

ContrArco Consort

 

         Antonella Tatulli                 Canto

         Valentina Nicolai                Bass Viola da Gamba 

         Marco Ottone                     Tenor Viola da Gamba   

         Gianfranco Russo              Viola da Braccio and Direction